Capolavoro

david-bowie-david-robert-jones-e1483869307774

Tre anni fa usciva Blackstar. Quello stesso giorno David Bowie compiva 69 anni. Tutto ciò che possiamo dire, che possiamo pensare ancora di questo album, è indissolubilmente legato a ciò che accadde due giorni più tardi.

Tra le molte suggestioni, i percorsi analitici e i dubbi che sorgono alla luce (nera) degli intrecci, dei riflessi misteriosi di cui le canzoni di Blackstar sono intrise, ho una certezza: che Bowie fosse estremamente consapevole del legame tra il disco e la propria imminente fine. Non solo sapeva che si trattava del suo ultimo lavoro, ma sapeva cosa avrebbe inevitabilmente significato, cosa avrebbe dovuto quindi significare. Su questa consapevolezza pose le fondamenta di un album il cui perno tematico ed espressivo era (è) il proprio stesso morire. In un certo senso, Bowie prese le redini del processo che conduceva alla morte. Rappresentò la morte, la creò, la produsse. Di fatto, la dominò.

Un altro aspetto fondamentale – forse cruciale – è che questa morte musicale (in realtà multimediale) ha finito col prevalere sulla morte fisica, della quale ci è giunta notizia ma non l’evidenza. Dal punto di vista del pubblico, Blackstar è il modo in cui Bowie ha scelto di morire, di scomparire. In altre parole, Blackstar è la morte di David Bowie. Una morte viva, attiva, creativa, capace di spedire messaggi profondi e segnali di bellezza indomabile, febbrile. Una morte comunque angosciosa, ma solo perché ci mette di fronte alle nostre potenzialità – e quindi ai nostri doveri – rispetto ad essa, ci chiama a compiere un salto di qualità, a superarci, a prendere piena consapevolezza di ciò che possiamo realmente essere.

In questo senso, oltre ad essere un disco musicalmente valido, Blackstar è un capolavoro.

 

David Bowie compie oggi 72 anni. A questo link trovate una monografia che ho scritto qualche tempo fa assieme a Giulio Pasquali e Giulia Cavaliere.

Annunci

Un pensiero riguardo “Capolavoro”

  1. Ne percepisco il dolore, la rabbia, e anche l’impotenza difronte alla morte. Io credo ci abbia voluto donare un qualcosa che va al di là dell’umano. Un immagine tangibile, musicalmente parlando, della spiritualità che corsiste in ognuno di noi, così tangibile al tatto grazie a questo album ultimo, da portarci a pensare che non si deve arrivare per forza davanti alla morte per riflettere su chi siamo e come abbiamo vissuto fino a quel momento. Siamo migliori di quel che dimostriamo ogni secondo di questa vita… ma ci disperdiamo e ci adeguiamo più per stanchezza che per inerzia.
    Penso sia un incentivo a migliorare e crescere prima che sia troppo tardi, oltre che un capolavoro inestimabile. 💫

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...